Perchè il bambù è cosí promettente? 🌍

Foresta bambù

Gli alberi sono stati usati fin dalla notte dei tempi per fare ogni sorta di cose.

Il problema? I prodotti di uso quotidiano, come la carta igienica, sono ancora responsabili del 10-15% della deforestazione globale quando potrebbero essere prodotti in modo più intelligente (o almeno in modo diverso) per compensare l'aumento della popolazione mondiale.

Allo stesso tempo, le foreste vergini continuano a ritirarsi mentre ovviamente appaiono sempre più essenziali per l'equilibrio del nostro bellissimo pianeta.

Curioso di sapere perché Paff Paper® usa il bambù al posto del pino o dell'eucalipto? Se sei curioso seguici e scoprirai ciò che ci ha spinto a scegliere questa materia prima.

 

Bamboo Roll

    Qual è il problema con il legno in realtà?  👀

      Oggi sappiamo tutti che le foreste sono veri e propri pozzi di assorbimento della CO2 e che sono essenziali per l'equilibrio della nostra biodiversità.

      Al contrario, il modo in cui viene prodotta la normale carta igienica è ancora estremamente inquinante: ci vuole molto legno (circa 2.5M di alberi all’anno solo per produrre la carta igienica consumata dagli italiani in un anno!!) e migliaia di litri d'acqua per pulire la polpa e creare un rotolo di diverso spessore.

       

       

      Aggiungete a questo un buon numero di sostanze chimiche per sbiancare e ammorbidire le foglie (cloro, BPA, formaldeide) e otterrete un prodotto standard da supermercato.  

      Un italiano usa una media di un rotolo ogni 4-5 giorni. Questo ti dà una piccola idea di cosa si potrebbe evitare se passassimo all’utilizzo di questa meravigliosa erba che è il bambù.

       

      Bambù? Una piccola meraviglia della tecnologia 🌱

      Bamboo Forest

      Iper assorbente di C02.

      Il bambù è estremamente efficace quando si tratta di assorbire gas come l'anidride carbonica. Un taglio regolare renderà questo sequestro ancora più efficace. Produrrà quindi il 30% in più di ossigeno rispetto a un albero di uguale massa. 

      Alla velocità della luce.

      Alcune varietà di bambù possono crescere di un metro nello spazio di 24 ore. Pazzesco, non è vero? A differenza della maggior parte degli alberi che hanno bisogno di 30-40 anni per maturare, il bambù richiederà solo 1-5 anni. È l'unica pianta (dai, con la canapa!) che può affrontare efficacemente il problema della deforestazione legata a una necessità di base come la carta igienica.

      Infinitamente rinnovabile.

      Quando il bambù viene raccolto, la radice principale continua a germinare per altri 100 anni!

      Privo di sostanze chimiche.

      Il bambù contiene un antibatterico naturale chiamato "bamboo kunh". Ciò consente alla pianta di proteggersi dall'attacco di oltre il 70% dei batteri evitando l'uso di fertilizzanti, pesticidi o diserbanti.

      Super versatile.

      Il bambù può facilmente sostituire il legno in un buon numero di applicazioni: pavimenti, mobili e ora, anche la carta igienica! La fibra di bambù è ultra resistente e si adatta meravigliosamente alle mutevoli condizioni climatiche poiché è in grado di crescere in Asia, India, Africa e persino sud America.

      Un'opportunità economica.

      Nei paesi in via di sviluppo, dove il tasso di non occupazione è un grave problema nelle aree più remote, il bambù può essere una vera opportunità economica. Nella provincia del Sichuan, ad esempio, le aziende agricole a conduzione familiare coltivano bambù sulla loro terra e vendono i loro raccolti a una cooperativa locale, che poi lo vende a fabbriche come le cartiere per servizi igienici.  

      Presto a corto di carta igienica? Vuoi avere un impatto quotidiano con una piccola azione? È tempo di provare Paff Paper® e ordinare la tua prima scatola di 24 rotoli di carta igienica.